Temi Puntata Zero Commmark

Ogni bimbo, quando nasce , cammina con mani e piedi ed ha un rapporto molto più forte con il Territorio dove vive.Quando sarà diventato grande, il rapporto sarà solamente tramite i suoi piedi ma sarà sempre un rapporto vitale, come quello di un Albero con il Terreno.Commmark è ancora Bambino.Questo è uno dei motivi per i quali abbiamo scelto i Temi.

L’ISTRUZIONE E LE NUOVE SFIDE DELLA COMUNICAZIONE

Gli Istituti pubblici deputati alla Formazione, in questo momento, più che mai, hanno bisogno di rivedere il loro rapporto con il Mondo Circostante (Comunicazione con l’Esterno)  e di ammodernare i loro Piani Didattici e la loro Metodologia Formativa. Questi sono, a nostro avviso, due dei motivi principali per i quali assistiamo , ogni anno che passa , ad una diminuzione delle iscrizioni.Il nostro Obbiettivo è quello di Confrontarci con le Realtà Universitarie della Nostra Regione, in particolar modo con coloro che annoverano, nel loro Piano di Studi, materie attinenti alle tre Aree delle quali si occupa Commmark. Luogo scelto per questo Seminario è Foligno che, con il Festival di Scienza e Filosofia, ha saputo offrire un ottimo strumento per avvicinare, Tutti, alla Conoscenza di Materie di Fondamentale Importanza per lo sviluppo Culturale, Scientifico ed Economico del Paese.

LA TERRA DI FRANCESCO DIALOGA CON IL MONDO

Durante il ponte Pasquale 2014, abbiamo visto un aumento del flusso turistico. L’appeal del Patrimonio Artistico e Culturale Italiano è sempre stata cosa nota. Solo ultimamente, si comincia a valutare con la giusta importanza, un altro importante filone del turismo che ha contribuito al picco del ponte pasquale : il turismo religioso. Questo settore turistico, in Italia, è in continua crescita, visti gli oltre 4.500 santuari e monasteri e 1000 musei religiosi (importante la doppia santificazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II) e  si sposa perfettamente con il turismo artistico e  culturale. Questa vuole essere l’occasione, per gettare il seme di un’attenta riflessione su come le tre aree di Commmark sono state utilizzate fino ad ora e come potrebbero migliorare questo utilizzo in futuro.

LA BOTTEGA DEL NUOVO MILLENNIO

Il Rinascimento rappresenta una vera e propria rinascita da un Oscuro Passato Medioevale. Segna la Nascita di una Nuova Era Moderna.La nuova Filosofia portò l’individuo a considerare sé stesso e i suoi simili come soggetti unici, in grado di autodeterminarsi e di coltivare le proprie doti, con le quali vincere la Fortuna, intesa nella sua accezione latina di “sorte” e dominare la natura, modificandola. La formazione degli artisti avveniva nelle “botteghe” : l’artista isolato, che lavorava per se, nella solitudine del suo studio, non esisteva. Gli allievi delle botteghe rinascimentali dovevano effettuare una lunga gavetta prima di guadagnarsi la qualifica di artista o maestro. Le botteghe degli artisti non si differenziavano nella struttura e nell’organizzazione da quelle degli altri artigiani. Molte botteghe erano specializzate in un particolare genere di manifattura artistica: così ad esempio, nella bottega dei Della Robbia ci si occupava esclusivamente di terrecotte invetriate policrome, mentre in quella dei Benintendi veniva insegnata l’arte della lavorazione della cera. In questo modo, oltre al raggiungimento di un livello tecnico assai elevato, si aveva una notevole semplificazione per quanto riguardava la gestione e l’amministrazione dell’attività. Partendo da questa sintesi storica delle Botteghe Rinascimentali passeremo ad analizzare alcuni esempi di Aziende che, partendo da una dimensione “Rinascimentale”, sono diventate Aziende Moderne e Globali che non dimenticano le loro Radici. La scelta di Bevagna si deve, oltre che alla sua straordinaria Bellezza, alla presenza, da tanti anni, di una Splendida Manifestazione : Il Mercato delle Gaite nel quale “le antiche botteghe dei mestieri medievali riaprono i loro battenti e riprendono le attività e le strade si popolano di bevanati che in abiti d’epoca vivono la quotidianità dei loro avi mangiando, lavorando, giocando proprio come loro”.La bottega è stata e potrà ancora essere la base per la nascita di Aziende in grado di Conquistare il Mondo. Commmark, con questa Puntata Zero, vuole seminare in questa direzione, offrendo un confronto, relativamente alle sue aree di competenza.

LO SVILUPPO DEL TALENTO E LE STARTUP

L’attuale Configurazione dell’Economia prevede che uno dei fattori che consente alle aziende di Competere è il loro essere Titani. L’Italia, non avendo, spesso, la possibilità di competere usando il parametro dimensionale, può sfruttare il suo essere Fucina di talenti. Creare un Giusto Ecosistema per il Talento farà in modo che possano Nascere Attività che, grazie ad un ottimo avvio e supporto, posaano diventare Imprese di successo.In questo modo, oltre alla loro Nascita e crescita in Italia, potremo impedire la Fuga di Talenti e Favorirne, invece, il Rientro. Sede del seminario è Foligno, che ha conosciuto, negli ultimi anni, una robusta crescita industriale grazie ad un Talento Tecnologico, soprattutto nella meccanica di Precisione. Commmark è , come negli altri incontri, pronta a dare il suo contributo, per le sue competenze.

IL GUSTURISMO

IL MADE IN EATALY

Il tema principale, questo caso, è quello del Made in Italy dal punto di vista del Design. In questo caso abbiamo l’abbinamento tra Made in Italy ed Eat in Italy, parafrasando  la formula lessicale che ha avuto tanta notorietà grazie alla straordinaria iniziativa di Oscar Farinetti.In questo caso la scelta di Trevi ci consentirà di abbinare al Made in Italy, un’altra Eccellenza Alimentare : l’Olio d’Oliva. La crescita economica, il turismo, passa anche attraverso il sincretismo tra Design e Gusturismo.